"Sorrisi e Amore" . Obiettivo = Sogno?

 

Bentrovato, La mia latitanza è stata la conseguenza di un problema di salute, fortunatamente in via di risoluzione. 

Come dire, batterie scariche e quindi poca energia per condividere post di “Sorrisi e Amore”. Comunque, i post precedenti sono ancora presenti in questo blog e facilmente consultabili ai seguenti link: introduzione, prima parte, seconda parte, terza parte.  


Oggi, che la mia carica energetica e motivazionale è tornata al 100% ho deciso di riprendere la comunicazione con te e gli altri amici che mi leggono e mi seguono… É arrivato il momento di consegnarti la quarta parte di “Sorrisi e Amore”. Chi mi ha seguito su Instagram, Facebook, TikTok, avrà notato che nonostante il periodo no, ho pubblicato storie e video evasivi… Ebbene sì, era la mia personale terapia per ingannare il cervello e fare cose che mi permettevano di ricaricare la mia energia. 

Ricordati: per il cervello visualizzare o vivere un’azione è la stessa cosa…

Ora con te voglio condividere la conclusione di questa mia esperienza. 

👉  Quando si vive un momento difficile, la cosa migliore da fare è swithciare (cambiare) immediatamente pensiero. Lo so, ora ti starai chiedendo, e come si fa? Semplice… ti insegno il mio trucco… chiudi gli occhi e ripensa a qualcosa che nel passato ti ha fatto divertire, stare bene. Pensa per esempio, ad un episodio della tua infanzia quando insieme ai tuoi amici, o i tuoi cari facevi qualcosa di spensierato e divertente. Con me funziona. 

👉 Una volta individuato il ricordo, rivivi con la mente e l’anima l’emozione del momento, la gioia, la spensieratezza, rivivi le emozioni e ancorale a te con un gesto (tipo toccati la spalla, oppure accarezza il tuo viso)… In questo modo afferri stretto il ricordo e ogni volta che ti senti giù, facendo quel gesto, che tu hai scelto,  rivivrai quell’emozione.  Prova e fammi sapere. 

E ora riprendiamo da dove mi ero fermato… “Sorrisi e Amore”. Nel primo post ho lanciato e spiegato la parola AMORE come ACRONIMO: 

😃 A = Autostima

😃 M = Motivazione 

👍 O = Obiettivi

💪 R = Resilienza

✌ E = Entusiasmo

Dopo averti indicato una strada per sviluppare maggiore autostima, una per avere maggiore motivazione, è arrivato il momento per indicarti la strada per realizzare i propri obiettivi.  

Cosa fare per realizzare i GOAL della vita? 

Obiettivo = Sogno?

Un sogno resta tale solo e soltanto se, noi non ci mettiamo in movimento, non agiamo per farlo accadere. Un obiettivo si differenzia dal sogno solo se lo coltiviamo, lo annaffiamo ogni giorno come un fiore. 

Per prima cosa dobbiamo fissare un obiettivo. Secondo Paul J.Meyer, fondatore della “Success Motivation International” (organizzazione indipendente che si dedica allo sviluppo personale attraverso il processo di definizione degli obiettivi) l’atteggiamento di una persona fa la differenza tra chi ottiene un risultato e chi no.  Nel suo libro “Attidute is everything” stabilisce che un obiettivo è bene che sia definito e semplice secondo i principi dell’acronimo SMART (Specifico – Misurabile – Accessibile - Realistico – Con Scadenza). 

Specifico: Gli obiettivi devono essere lineari e devono evidenziare ciò che desiderate che accada. I dettagli aiutano a concentrare gli sforzi e definiscono ciò che bisogna fare. Per esempio invece di stabilire di dimagrire o mangiare più sano, stabilisci l’obiettivo specifico di pesare 60 Kg oppure perdere 2 cm di giro vita o ancora allenarsi per 6 ore al giorno... Scrivi ora i tuoi obiettivi. 

Misurabile: Un obiettivo non misurabile è un obiettivo non gestibile. Scegliere sempre un obiettivo per il quale si possano misurare i progressi, così si potrà assistere al cambiamento mentre si verifica. Ad esempio voglio migliorare la mia resistenza allungando il mio allenamento di 45 minuti ogni giorno... Stabilisci cosa sei disposto a fare per raggiungere i tuoi obiettivi. 

Accessibile: Tutti gli obiettivi dovrebbero essere realizzabili, ovvero rientrare nei limiti delle nostre possibilità. È difficile ad esempio che un ballerino principiante vinca il mondiale nella Top classe, è più probabile che lo vinca nella propria categoria... Per poter vincere oltre che allenare il corpo bisogna allenare anche la mente. Per gli sportivi è fondamentale la visualizzazione delle azioni perché per il cervello visualizzare e vivere un’azione è la stessa cosa. Il tuo obiettivo è accessibile?

Realistico: Questa caratteristica ci permette di stabilire se un obiettivo è accessibile oppure no. In altri termini ci aiuta a capire se il nostro obiettivo è fattibile. Stabilire di vincere piano piano le singole gare per poi puntare al mondiale è un obiettivo che vi aiuterà a scoprire di cosa siete capaci. Mentre fissare come obiettivo la vincita di un campionato del mondo senza aver fatto mai una gara è un obiettivo che porterà alla frustrazione. É meglio concentrarsi sull’ispirazione che sulla razionalità. Sei pronto a metterti in discussione e scoprire di cosa sei capace?

Con Scadenza: Questo ultimo step serve a definire un quadro temporale entro il quale raggiungere gli obiettivi. Prossima Settimana, due mesi, cinque anni ect... Stabilire un tempo è fondamentale per accrescere la responsabilità e realizzare l’obiettivo. Senza un limite di tempo non c’è urgenza di iniziare.  Qual è la prima tappa da raggiungere per avvicinarti al tuo obiettivo? 




Come fissare i propri obiettivi. 

Quando definisci un obiettivo, usa sempre il tempo presente (voglio migliorare il mio allenamento, voglio dimagrire… voglio vincere il campionato nazionale), dopodiché inizia a comportarti come se lo avessi già raggiunto, dando così al cervello l’impressione che sia reale. Ricordati. Ia mente non conosce la differenza tra ciò che è immaginario e ciò che invece è reale.  Agire come se l’obiettivo fosse già stato raggiunto è una delle distinzioni più importanti fra le persone che ottengono un successo e quelle che non ce la fanno. Atteggiamenti mentali nuovi creano nuovi comportamenti che diventano abitudini.  Mettete in atto un comportamento nuovo e ripeterlo per 30 giorni, esso diventerà un’abitudine inconscia che poi automaticamente ripeterai. 

Prima di fare l’esercizio che tra poco ti indico è giusto sapere alcune cose importanti:  

Prima regola, bisogna sapere sempre se l’obiettivo che abbiamo in testa sia quello giusto oppure è frutto delle nostre convinzioni o ancor peggio è l’obiettivo di qualcun altro. Per scoprirlo basta farsi una semplice domanda: “Qual è quella cosa che desidero così tanto che solo a pensare di ottenerla mi fa fare un sorriso luminoso?” se la risposta è l’obiettivo stesso, allora sei a buon punto, se non lo è ti consiglio di lasciar perdere e cercare il tuo vero scopo. 

Dopo aver verificato che l’obiettivo è veramente il tuo, non ascoltate amici e/o parenti che tentano di dissuaderti dal raggiungerlo. La vita è come un’automobile, al volante deve esserci una sola persona e visto che la vita è tua, sarà meglio che a guidare sia tu piuttosto che qualcun altro.  Quando elabori i tuoi obiettivi accertati di essere concentrato sull’ispirazione piuttosto che sulla razionalità. Fidati sempre della voce della tua anima, perché è quella vera che ti dice di cosa hai effettivamente bisogno. Fidati di essa, perché l’anima non mente mai e per di più è egoista, questo vuol dire che prima di far stare bene gli altri vuole stare bene lei. L’esercizio migliore per scoprire qual è l’obiettivo da raggiungere è quello di isolarsi, scegliere un luogo tranquillo dove stare soli e rilassarsi ascoltando musica strumentale, (ti consiglio di scegliere dalla libreria dell’Associazione Stefano Fancia EnjoyArt, presente su tutti i digital store, la collana Relaxing ) mettete sempre accanto a voi una penna e un quaderno per scrivere tutte le idee che vi giungeranno…  

Relaxing, la collana musicale prodotta in collaborazione con Pomodoro Studio Alway  ha un ritmo molto particolare, l’ascolto dei brani composti dai maestri Ciro Vinci e Julie Collins, provocano una sensazione di euforia e comfort. Così, ascoltando le canzoni il battito cardiaco automaticamente “si adegua” a quel “ritmo” e le melodie ripetitive del brano inducono il cervello a rimanere in costante sollecitazione perché non si adegua alla monotonia melodica. Una raccomandazione, le canzoni contenute nella collana Relaxing  possono indurre sonnolenza, non vanno quindi assolutamente ascoltata mentre si è alla guida. 

Dopo che ti sei rilassato per circa 5 minuti, prendi quaderno e penna e inizia con tutta la serenità che hai raggiunto a scrivere le risposte alle seguenti domande, ti raccomando dai le risposte di getto… non pensarci troppo..

1. Cosa voglio realizzare? (definisci il tuo obiettivo in modo chiaro) 

2. Perché voglio realizzare questo obiettivo? (Verifica che lo scopo ti entusiasmi) 

3. Rispetto al mio obiettivo dove mi trovo adesso?  (devi capire quanto sei vicino o lontano al tuo obiettivo) 

4. Che cosa vedrò, ascolterò, proverò, quando avrò realizzato il mio obiettivo?  (Usando tutti i tuoi sensi renderai reale il tuo obiettivo) 

5. Come capirò che ho raggiunto il mio obiettivo? (fai emergere al meglio i criteri di identificazione) 

6. Quali risorse possiedo e quali mi servono per raggiungere l’obiettivo? (verifica i mezzi necessari per raggiungere l’obiettivo) 

7. Che cosa ci guadagno o perdo una volta raggiunto l’obiettivo?  (controlla l’impatto del tuo obiettivo sulle altre aree della tua vita) 

Tutte queste domande, soprattutto l’ultima, sono fondamentali per capire quanto sia importante raggiungere un obiettivo e a cosa sei disposto a rinunciare pur di raggiungerlo. 



“Sorrisi e Amore” ai seguenti link: 

introduzione

prima parte

seconda parte 

terza parte




Commenti

Post popolari in questo blog

Riccardo e Yulia: Il Covid 19 ha fermato anche noi. Presto torneremo ad occuparci di Danza.

Riccardo e Yulia: “pensare come un ballerino e allenarsi come se fosse l’ultima volta” Intervista esclusiva ai campioni del Mondo Professional Latin WDC.

TuttoBallo20 la rivista che ti informa e ti tiene in forma