Post

Visualizzazione dei post da Novembre, 2016

Prima tappa Ranking FIDA: grande successo per il terzo trofeo Città di Comiso.

Immagine
    A Comiso in Sicilia ieri sono stati assegnati i primi punti della Ranking FIDA . Il terzo trofeo Città di Comiso, organizzato dai fratelli, maestri, Ivana e Nigida Biagio, ha aperto all grande la stagione agonistica FIDA 2016/2017 ospitando la prima tappa della prestigiosa Ranking Federale che si concluderà a giugno al FestivalDanza 2017. Choreographic Team, Team Social, Danze Latino Americane, Danze Standard, Liscio Unificato, Ballo da Sala, con Coppie provenienti da tutta Italia e una Giuria qualificata e selezionata. Per la prima volta in Sicilia a rendere ancora più elegante e suggestiva la competizione è arrivata anche la Grande Orchestra Italiana del maestro Simone Mezzapesa. I suoni e le musiche hanno reso Vila Orchidea al pari di una ballroom inglese come Blackpool. Ad animare in maniera garbata e coinvolgente è arrivato anche Claudio Martinelli presentatore ufficiale di ogni mega evento caraibico organizzato dal coordinatore nazionale FIDA Dennis Gargano.   La gara è stata

Astrodancer. Come imparare a ballare seguendo le stelle

Immagine
        Su Amazon e tutti i bookstore è in vendita  Astrodancer ,Come imparare a ballare seguendo le  stelle  primo libro scritto insieme a Stefano Francia negli ultimi due anni di vita.   Il libro per una  mia   scelta personale non ha editore, è un self publishing. Se questo libro oggi vedrà la luce  è  grazie al supporto amorevole e economico di due amici: J ohn Kimmins e Caterina Arzenton , il  logo  dell’ Arthur Murray  Dance Center  per noi è il bollino di garanzia che attesta un lavoro  di qualità.  Io e Stefano abbiamo iniziato a scrivere Astrodancer nel gennaio del 2016,  eravamo   appena rientrati da Miami e la malattia aveva iniziato l’inesorabile count down.  L’unica idea   che il mio cervello riuscì a partorire per potergli dare una visuale lunga della  vita era   scrivere  un libro che lo   distraesse dalla sofferenza della malattia e dalle delusioni  che alcuni “finti amici” gli avevano riservato… In questo libro, come nell’a