SORRISI E AMORE - TERZA PARTE

 

Ciao e ben trovato. 

Prima di passare alla terza tappa del nostro viaggio "Sorrisi e Amore" ti voglio invitare a leggere la rivista edita dall'Associazione Stefano Francia EnjoyArt, disponibile ora a questo link: 

TuttoBallo



Ha scarito la rivista? Bene... 
Passiamo ora ad esaminare la seconda parola che ho estratto dalla principale AMORE. M come MOTIVAZIONE. 
La motivazione è un processo che avvia, guida e mantiene i comportamenti mirati. Essa è lo stimolo, cosciente o meno, all’azione volta in direzione del raggiungimento di un obiettivo desiderato (sia di natura biologica che sociale). La motivazione è tutto ciò che dà scopo ad un comportamento (Riello, 2018).

Tra gli autori che a lungo hanno studiato la motivazione, fornendo importanti contributi, troviamo Abraham Maslow. Egli elaborò una classificazione gerarchica della motivazione: si parte dai bisogni primari e fisiologici, come cibo, acqua, impulso sessuale, ecc., per poi giungere a quelli superiori ovvero stima, sicurezza, affetto, amore.

Maslow, ideò la piramide dei bisogni all’interno della quale sono posizionati i diversi bisogni nel seguente ordine gerarchico:

bisogni fisiologici: quando questi saranno soddisfatti nasceranno altri bisogni di natura sempre più elevata;
bisogni di sicurezza (es. stabilità, protezione, libertà dalla paura);
bisogni di appartenenza, di affetto e di amore;
bisogni di stima (l’esigenza di essere stimati dagli altri ma anche da se stessi);
bisogno di autorealizzazione;

L’impulso motivazionale si ha ogni volta che avverti un bisogno che rappresenta la percezione di uno squilibrio tra la situazione attuale ed una situazione desiderata. Il bisogno è, quindi, uno stato di insoddisfazione che spinge l’uomo a procurarsi i mezzi necessari per riuscire a realizzarlo o sublimarlo. 


                      GAMBE IN SPALLE E INZIA A MOTIVARTI...


La parola motivazione è composta da due parole:  MOTIVO + AZIONE. 

Motivo: “atto a muovere”, ossia ciò che spinge, che suscita a fare, impulso, realizzazione del bisogno.
Azione: dal latino actio-onis, derivazione di agĕre “fare” realizzare il sogno.

Avere motivazione significa, dunque, desiderare ardentemente qualcosa e mettersi in movimento per andarla a prendere.
Immagina di avere sete e sei nella stanza opposta alla cucina. Per bere cosa fai? Lasci quello che stai facendo nella stanza e ti dirigi in cucina, apri il frigorifero, prendi la bottiglia di acqua, prendi un bicchiere, versi l’acqua nel bicchiere e alla fine bevi soddisfacendo il tuo desiderio di bere.  

Così dovrebbe essere anche per i bisogni di autorealizzazione. Per tutti i bisogni fisiologici si aziona la leva automatica, l’istino, (ndr andare in bagno, mangiare, dormire ect..) per i bisogni più elevati, quelli che ci portano alla realizzazione personale e sociale, la leva devo azionarla io dando al cervello un comando ben preciso di quello che voglio, dando il percorso da fare per ottenerlo. 

Questo significa che desiderare qualcosa non basta… desiderare un lavoro migliore stando seduti sul divano non porta da nessuna parte. Quel desiderio resta un sogno. Ma se aziono la leva della ricerca, allora trasformo il mio sogno in desiderio e il desiderio in realtà. 

Ci sono tanti libri che spiegano come ottenere successo, io te ne consiglio uno che sto (ri)leggendo anzi, lo sto ascoltando come audiolibro, “Pensa e arricchisci te stesso” di Napoleon Hill, io consiglio la versione originale del 1937.

L’ editore nella presentazione scrive: “La mente umana può realizzare tutto quanto può concepire e prendere per buono. Con l'autodisciplina e il controllo si può imparare a dominare la mente”. Questo libro contiene il segreto, la formula magica per raggiungere il successo finanziario o personale, esso viene svelato più di cento volte in tutto il libro. Quest’opera è una di quelle che hanno più influito su tanti individui nel mostrare la direzione da prendere per l’autorealizzazione, intesa sia come indipendenza finanziaria sia come ricchezza spirituale che trascende qualunque paragone monetario.” 

Credo che basti questo per convincerti a leggerlo… 



La Motivazione, seconda parole derivata da AMORE, è quella spinta che ci porta a fare cose che non avremmo mai pensato di fare… Ti ricordi che ti ho detto che io per oltre 40 anni non ho fatto attività fisica? E solo dopo una operazione invasiva ho trovato la giusta motivazione per iniziare a camminare per 15 km al giorno… Amare me stesso e prendermi cura di me è stata la più grande motivazione che mi poteva arrivare… E questo mi ha salvato. 
Dunque, la giusta motivazione ci porta al cambiamento, alla realizzazione. 
Lo so, ora ti starai chiedendo: come faccio a capire qual è la giusta motivazione? 
Io ti rispondo, subito con una frase che mi diceva mio padre Vittorio, imparata a sua volta da suo padre, mio nonno Luigi. “Quando hai qualche desiderio da realizzare, non partire di impulso. Dormici sopra più di una notte. Se ti svegli per tre mattine di seguito con lo stesso desiderio, vuol dire che è il TUO DESIDERIO”. 

Questo in altre parole significa, non vivere sulle convinzioni di altri, ma vivere delle proprie perché in fondo è sempre meglio sbagliare perché dall’insuccesso possiamo sempre ottenere qualcosa. 
Jim Morrison, leader dei The Doors morto a 28 anni, diceva: “Vivere senza tentare significa rimanere col dubbio che ce l'avresti fatta". Dopo ogni sbaglio bisogna ripartire e provare ancora una volta (resilienza) fino a quando non si raggiunge l’obiettivo.  Lo hanno fatto molti personaggi famosi, a partire da Edison, l’inventore della lampadina che, prima di accendere la prima, ha tentato ben 2000 volte e lui sai cosa diceva? “Io non ho fallito duemila volte nel fare una lampadina; semplicemente ho trovato millenovecento-novantanove modi su come non va fatta una lampadina. “
L’insuccesso non è una cosa negativa… 

La motivazione di cambiare è il vettore verso la tua realizzazione. 
Il cambiamento può avvenire per due motivi ben precisi: 
Necessità e Amore

Detto ciò spero di averti dato un’altra chiave da riporre nella tua cassetta degli attrezzi. 
E spero che tu la usi sempre ogni volta che desideri fare qualcosa, che tu la tenga in mano fiero come un guerriero che tiene in mano la spada. E la usi ogni volta che sei di fronte ad un ostacolo. 
Ricordandoti di non perdere tempo a pensare quanto sia grande l’ostacolo, ma di focalizzare la tua mente sul come superarlo. Fiducia, Forza, Perseveranza, Resilienza, Coraggio. 

Se desideri fortemente qualcosa, la puoi realizzare… cerca la giusta motivazione in te, crederci sin dal primo momento, scrivi quello che desideri veramente al mattino e rileggilo alla sera. Lascia che il tuo cervello viva un tuo desiderio come mantra. Poi immaginati di essere in possesso del tuo desiderio e vivi come se tu lo avessi già raggiunto. Ultima cosa:  scrivi anche come utilizzeresti la tua realizzazione per aiutare gli altri. Ricordati sempre che nulla viene concesso gratuitamente, c’è sempre un prezzo da pagare… allora è meglio che il prezzo lo stabiliamo noi piuttosto che ci venga inflitto inaspettatamente. 

Quando tu chiami l’universo, esso risponde… devi solo saper aspettare che concerti per te la più bella sinfonia: quella che tu hai scritto!

Prima di salutarci ti invito a fare meditazione: 

Per essere più precisi, ti consiglio di farla due volte al giorno, al mattino e alla sera, aiutandoti con l’ascolto di uno dei brani composti del maestro Ciro Vinci e contenuti nell’album “Music Therapy” che trovi in ogni Digital Store. 
 




oppure scegli uno dei brani della compositrice Julie Collins,che trovi in ogni Digital Store.  
Scarica da qui: Julie Collins "Relaxing"  



Hai scelto la tua canzone preferita' 
Bene.... Ora, chiuditi nella tua stanza preferita,
poi prendi una sedia comoda e siediti a schiena diritta, piedi nudi poggiati a terra, posiziona le braccia lungo le gambe. 

Ultima cosa prima di iniziare. Prendi taccuino e penna da posizionare vicino alla tua sedia.  

Memorizza questi passaggi ... e poi inizia il tuo viaggio alla scoperta delle tue motivazioni...
 
1. Chiudi gli occhi e lasciati trasportare dall'emozione del brano... 

2.  Fai un bel respiro profondo poi, mentre continui ad ascoltare la musica che hai scelto, ripeti mentalmente la parola AMORE, ripetila lentamente e più volte come un mantra.

3. Lascia andare i pensieri che affiorano nella tua mente, non soffermarti su nessuno di loro, rimani concentrato solo sulla musica e la parola AMORE.  

4. Dopo aver ascoltato tutto il brano, resta seduto e confessa a te stesso quali sono le cose che vuoi cambiare di te, le cose ti danno fastidio, e cosa vorresti nella tua vita. Fai un elenco mentale... 

5. Poi fai tre respiri profondi e apri lentamente gli occhi restando seduto.  

6. Prendi taccuino e penna e scrivi cosa hai pensato nell'ultimo minuto di meditazione: scrivi cosa vuoi cambiare della tua vita, quali cose ti danno fastidio, cosa vorresti ottenere dalla tua vita. 

Conserva queste tue esternazioni. Nei prossimi post ti serviranno. 

Qualora tu voglia farmi domande sono pronto a risponderti. 

Scrivendomi qui, pubblicamente, oppure in privato a fabriziosilv@gmail.com 

Ti aspetto al prossimo post...

E...ovunque tu voglia arrivare ti auguro un felice viaggio.




Ops!!! Dimenticavo... 




se non lo hai ancora fatto... scarica ora la tua copia di 


La rivista che ti inforame ti tiene informa... 

Al prossimo post!!!





Commenti

  1. Thank you for sharing useful information with us. please keep sharing like this. And if you are searching a unique and Top University in India, Colleges discovery platform, which connects students or working professionals with Universities/colleges, at the same time offering information about colleges, courses, entrance exam details, admission notifications, scholarships, and all related topics. Please visit below links:

    Amity University in Mumbai

    Parul University in Vadodara

    Babu Banarasi Das University in Lucknow

    GD Goenka University in Gurugram

    The NorthCap University in Gurugram

    RispondiElimina

Posta un commento

Post popolari in questo blog

Riccardo e Yulia: Il Covid 19 ha fermato anche noi. Presto torneremo ad occuparci di Danza.

Riccardo e Yulia: “pensare come un ballerino e allenarsi come se fosse l’ultima volta” Intervista esclusiva ai campioni del Mondo Professional Latin WDC.

TuttoBallo20 la rivista che ti informa e ti tiene in forma